/ Febbraio 24, 2020/ CittàDEM - La Newsletter del PD di Pordenone, News

Dal 15 al 17 novembre si è tenuta a Bologna l’Assemblea nazionale del Pd che ha apportato significative modifiche allo Statuto del partito.

La novità politicamente più rilevante è la fine dell’automatismo tra segretario e candidato premier: un aspetto legato alla vocazione maggioritaria che caratterizzò il Pd dalla nascita (2007- 2008), quando il quadro politico era essenzialmente bipolare.

Oggi siamo in tutt’altra stagione, sia a livello politico (il numero dei poli non è nemmeno chiaro) sia rappresentativo con l’attuale Parlamento eletto per 2/3 grazie a una legge elettorale proporzionale.

Altra modifica significativa verte sulla forma: il Pd diventa un partito federale, con la nuova direzione nazionale indicata per la metà ed eletta per i 2/3 dai territori e per un terzo composta da rappresentanti e amministratori o segretari locali e regionali scelti dagli iscritti.

Verrà anche istituita la nuova Assemblea nazionale dei sindaci, che si è già riunita a Roma il mese scorso, che si avvale anche di un coordinamento e di un coordinatore che sarà un componente della segreteria nazionale.

Particolarmente importante è poi la menzione di internet e del web che si fa all’art. 10 del nuovo Statuto: “il Pd promuove una piattaforma deliberativa online per l’analisi, il confronto, il confronto che precede e accompagna le decisioni assunte dagli organi rappresentativi e di direzione del partito”. Tale piattaforma online sarà aperta a tutti gli iscritti e agli elettori secondo un apposito regolamento che verrà approvato dalla Direzione Nazionale. È una novità di non poco conto che mira a riempire uno spazio che finora abbiamo colpevolmente lasciato sguarnito e che è stato occupato da altre forze politiche con ottimi risultati.

Da ultimo, si è deciso di mantenere lo strumento che da sempre ha caratterizzato il Pd come l’unico partito davvero democratico del panorama politico italiano: le primarie aperte per l’elezione del segretario.
Si tratta di innovazioni importanti che, come ha dichiarato il segretario Nicola Zingaretti, renderanno il Pd “un partito più aperto alla partecipazione delle persone, molto più diretta, rendendo protagonista chi ne fa parte”.

Città DEM – Newsletter del circolo PD di Pordenone – Dicembre 2019

Share this Post